**************************************************************

          BOLLETTINO '900 - Notizie / D, febbraio 1999             Successivo

**************************************************************

Statuto della "Societa' italiana per lo studio della modernita'
letteraria" (MOD)

Repertorio n. 20494
Raccolta n. 4491

ATTO DI COSTITUZIONE DI ASSOCIAZIONE
Repubblica Italiana

L'anno millenovecentonovantotto
il giorno quattro del mese di dicembre
in Firenze, nel mio studio posto in via Calimala numero 1.

Avanti a me Dottor Fabio Turchini, Notaio in Firenze, iscritto al Ruolo
del Collegio dei Distretti Notarili Riuniti di Firenze Pistoia e Prato,
senza l'assistenza dei testimoni cui i comparenti fra loro d'accordo e col
mio consenso hanno rinunciato,

sono presenti i signori
- SPINAZZOLA VITTORIO, nato a Milano il 29 marzo 1930 ed ivi residente
[...], docente universitario, [...]
- CONTORBIA FRANCO GIUSEPPE nato a Novi Ligure il 16 marzo 1946 ivi
residente [...], docente universitario, [...]
Detti comparenti, cittadini italiani, della cui identita' personale io
Notaio sono certo, stipulano e convengono quanto segue:

ART. 1
I signori Spinazzola Vittorio e Contorbia Franco Giuseppe dichiarano di
costituire, come col presente atto costituiscono una associazione, non
avente scopo di lucro, denominata "Societa' Italiana per lo Studio della
Modernita' Letteraria" siglabile piu' brevemente come "MOD".

ART. 2
L'associazione ha sede presso il Dipartimento di Italianistica dell'
Universita' degli Studi di Firenze situato in Firenze, Piazza Savonarola
numero 1.

ART. 3
L'Associazione ha il duplice fine di rafforzare e promuovere il ruolo
culturale ed istituzionale della letteratura italiana moderna e
contemporanea, e di affermare e diffondere la specificita' degli studi che
hanno per oggetto la modernita' letteraria. Si prefigge quindi, per un
verso di approfondire la conoscenza dell'epoca letteraria che ha avuto
inizio con il secondo Settecento, organizzando seminari, giornate di
studio e convegni, nonche' favorendo l'incontro ed il confronto tra
studiosi della disci plina italiani e stranieri, intellettuali, scrittori
ed insegnanti; per un altro di avviare i piu' ampi contatti con le altre
associazioni di area e piu' in generale con il mondo dell'Universita',
della cultura, della scuola, della politica e della comuni cazione. Per
il raggiungimento del suo scopo sociale l'Associazione potra' compiere
tutte le operazioni finanziarie, bancarie e mobiliari ed immobiliari
necessarie, purche' nel rispetto della normativa vigente.

ART. 4
L'Associazione e' retta dallo Statuto composto di numero 16 (sedici)
articoli che, firmato dai comparenti e da me Notaio, sia allega al
presente atto sotto la lettera "A", previa lettura datane da me Notaio ai
comparenti stessi.

ART 5
Il patrimonio dell'Associazione sara' costituito dalle quote di
iscrizione, dalle quote annue dei soci, da eventuali lasciti e donazioni
fatte all'associazione stessa, da proventi diversi, incluse convenzioni
con Enti pubblici e privati, societa', persone fisiche e giuridiche, da
ogni altro bene mobile o immobile di proprieta' dell'associazione.

ART. 6
L'Associazione sara' retta da un Consiglio Direttivo, composto di sette
membri, regolato da quanto previsto dall'articolo 7 dell'allegato Statuto.
In deroga a quanto sopra indicato, fino allo svolgimento della prima
Assemblea generale dei soci, l'Associazione sara' rappresentata da un
Comitato provvisorio composto da otto membri cui e' affidato il compito di
organizzare l'Assemblea stessa e di avviare le iscrizioni dei soci.'
I membri del Comitato provvisorio sono i seguenti signori:
Contorbia Franco, Curi Fausto, Langella Giuseppe, Lugnani Lucio, Mondello
Elisabetta, Papini Maria Carla, Sechi Mario e Spinazzola Vittorio.
I soci si impegnano a comunicare ai suddetti signori l'incarico conferito.
Per quanto concerne le altre cariche si fa espresso rinvio alle norme
dello Statuto.

ART. 7
La durata dell'Associazione e' a tempo indeterminato.

ART. 8
I1 primo esercizio si chiudera' al 31 (trentuno) dicembre 1999
(millenovecentonovantanove).

ART. 9
L'Assemblea dei soci indichera' la persona che provvedera' a compiere
tutte le pratiche necessarie per l'acquisto da parte dell'Associazione
della personalita' giuridica.

ART. 10
Per quanto non previsto dal presente atto e nell'allegato Statuto i
comparenti si riportano alle vigenti disposizioni in materia di
associazione.
Le spese del presente atto e sue accessorie e conseguenti sono a carico
dell'Associazione.
In particolare si richiede l'applicazione della imposta di Registro in
misura fissa in quanto mero atto dichiarativo.
Richiesto io Notaio ho.redatto il presente atto che ho letto ai comparenti
i quali, a mia domanda, lo approvano e lo dichiarano pienamente conforme
alla loro volonta'.
Scritto in parte minima da me Notaio in massima parte

STATUTO

Art. 1
In data 4 dicembre 1998 si e' costituita a Firenze, presso il Dipartimento
di Italianistica dell'Universita' degli studi di Firenze l'Associazione
non avente fine di lucro denominata "Societa' Italiana per lo Studio della
Modernita' Letteraria", siglabile piu' brevemente come "MOD".
L'Associazione e' a tempo indeterminato ed ha sede presso il Dipartimento
di Italianistica dell'Universita' degli Studi di Firenze situato in
Firenze, Piazza Savonarola numero 1.

Art. 2
L'Associazione ha il duplice fine di rafforzare e promuovere il ruolo
culturale ed istituzionale della letteratura italiana moderna e
contemporanea,e di affermare e diffondere la specificita' degli studi che
hanno per oggetto la modernita' letteraria.
Si prefigge quindi, per un verso di approfondire la conoscenza dell'epoca
letteraria che ha avuto inizio con il secondo Settecento, organizzando
seminari, giornate di studio e convegni, nonche' favorendo l'incontro ed
il confronto tra stranieri, intellett uali, scrittori ed insegnanti, per
un altro di avviare i piu' ampi contatti con le altre associazioni di area
e piu' in generale con il mondo dell'Universita', della cultura, della
scuola, della politica e della comunicazione.
Per il raggiungimento del suo scopo sociale l'Associazione potra' compiere
tutte le operazioni finanziarie, bancarie e mobiliari ed immobiliari
necessarie, purche' nel rispetto della normativa vigente.

Art. 3
L'Associazione e' composta di soci effettivi, soci aderenti, e soci
onorari.
Hanno titolo per: partecipare all'associazione come soci effettivi tutti i
docenti, ricercatori, assegnisti di Letteratura italiana moderna e
contemporanea, le cui domande di iscrizione, vagliate dal Consiglio
Direttivo, siano state accettate.
Alla Associazione possono inoltre iscriversi come soci aderenti tutti i
docenti e gli studiosi italiani e stranieri che siano interessati ai fini
istituzionali di cui all'art. 2, e le cui domande di iscrizione,
controfirmate da due soci, vagliate dal Con siglio Direttivo e ratificate
dall'assemblea, siano state accettate.
I soci aderenti partecipano con diritto di parola e di proposta alle
assemblee e a tutte le iniziative della Associazione ma nelle votazioni
hanno solo diritto all'elettorato attivo.
I soci effettivi ed aderenti sono tenuti al pagamento di una quota di
iscrizione e di una quota annua di Associazione il cui mancato versamento
(alla scadenza di giorni novanta dopo l'invio di un sollecito scritto)
implichera' la decadenza dall'appartenen za all'Associazione stessa.
Divengono soci onorari studiosi o personalita' della cultura italiana e
straniera che, presentati da almeno cinque soci, ricevano il voto
favorevole del Comitato Scientifico e la ratifica dell'Assemblea.
I soci onorari non hanno diritto di voto e sono esentati dal pagamento
della quota di iscrizione e della quota annuale.

ART. 4
Sono.organi della societa':
- il Presidente
- il Segretario
- il Consiglio Direttivo
- il Comitato Scientifico
- l'Assemblea dei soci
- il Collegio dei Revisori dei Conti

ART. 5
Il Presidente, eletto dal Consiglio Direttivo, con voto palese, a
maggioranza assoluta degli aventi diritto al voto, nella persona.di uno
dei suoi membri, dura in carica tre. anni e puo' essere rieletto
consecutivamente una sola volta. I1 Presidente rappr esenta legalmente
l'Associazione, di fronte a terzi ed in giudizio, tiene i rapporti fra il
Consiglio Direttivo e il Comitato scientifico, convoca e presiede sia il
Consiglio Direttivo che l'Assemblea.

ART. 6
Il Segretario, eletto dal Consiglio Direttivo, con voto palese, a
maggioranza assoluta degli aventi diritto al voto, nella persona di uno
dei suoi membri, dura in carica tre anni e puo' essere rieletto
consecutivamente una sola volta.
Il Segretario formula, una volta sentito il Presidente, l'ordine del
giorno del Consiglio Direttivo nel quale sono inseriti anche gli argomenti
indicati da almeno due membri del Consiglio Direttivo stesso e, d' intesa
con il Consiglio Direttivo, l'ordine del giorno dell' Assemblea; cura i
rapporti con le istituzioni, gli enti, gli organismi culturali, la
associazioni e i singoli per il perseguimento dei fini dell'Associazione.

ART. 7

Il Consiglio direttivo e' composto di sette membri eletti dall'Assemblea
tra i soci effettivi, a maggioranza semplice, e con voto segreto: sono
eletti i sette candidati che riportano il maggior numero di voti. Qualora
due o piu' candidati abbiano ricevuto il medesimo numero di voti , si
procedera' al ballottaggio. Ogni membro del Consiglio Direttivo puo'
essere rieletto consecutivamente una sola volta e dura circa tre anni.
Il Consiglio Direttivo elegge al suo interno il Presidente, il Segretario
ed il Tesoriere.
Il Consiglio Direttivo ha il compito di vagliare i progetti formulati dal
Comitato Scientifico, e dare attuazione ai medesimi, realizzando le
iniziative di volta in volta ritenute opportune.

Il Consiglio direttivo fissa l'ammontare della quota di iscrizione e della
quota annuale di partecipazione all'Associazione; vaglia le domande di
iscrizione all'Associazione e le proposte di nomina di soci onorari; cura
di affidare alla custodia notarile, sempre adeguatemente aggiornato, l'
elenco dei soci. Il Consiglio Direttivo discute l'ordine del giorno delle
proprie sedute formulato a norma dell' art. 6 e, su richiesta di almeno
cinque soci, dispone l'inserimento all'ordine del giorno di ulteriori
argomenti di discussione. Le delibere del consiglio Direttivo sono prese
a maggioranza semplice con voto palese. Il Consiglio Direttivo si
riunisce almeno due volte l'anno dietro convocazione scritta (o fax o
e-mail) del Presidente. Le riunioni sono valide se, oltre al Presidente e
al segretario, sono presenti almeno altri tre membri del Direttivo, salvo
il caso pre visto dall' art. 10 comma 2. Al Consiglio direttivo spettano
infine tutti i poteri di ordinaria e straordinaria amministrazione, nel
rispetto dei deliberati dell'assemblea.

ART. 8 Il Comitato Scientifico e' composto da sette membri di riconosciuto
prestigio e di qualificata esperienza didattica eletti dall'Assemblea a
maggioranza semplice e con voto segreto: sono eletti i sette candidati che
riportano il maggior numero di voti. Qua lora due o piu' candidati abbiano
ricevuto il medesimo numero di voti, si procedera' al ballottaggio. Ogni
membro del comitato Scientifico puo' essere rieletto consecutivamente una
sola volta e dura in carica tre anni.
Il Comitato Scientifico ha la funzione di progettare la attivita' e le
iniziative culturali dell'Associazione.
Le riunioni del comitato Scientifico vengono convocate dal suo membro piu'
anziano, che le presiede. Al membro piu' anziano del Comitato Scientifico,
in qualita' di coordinatore, compete anche di curare, attraverso il
Presidente o il Sergretario dell' Ass ociazione, i rapporti con il
Consiglio Direttivo.

ART. 9
Il Collegio dei Revisori dei conti e' composto da tre membri scelti anche
tra non soci ed eletti dall'Assemblea su proposta del segretario e sentito
il Presidente.
Il Collegio dei Revisori dei conti cura annualmente il controllo
dell'amministrazione dell'Associazione regolando i suoi lavori secondo le
norme vigenti in materia.

ART. 10

Nel caso di dimissioni o decadenza di uno o piu' membri del Consiglio
Direttivo e del Comitato Scientifico, subentrano il primo o i primi tra i
non eletti nelle votazioni per le rispettive cariche, fino aala scadenza
del mandato del Consiglio Direttivo st esso.
Qualora il membro dimissionario o decaduto occupi una delle cariche
sociali (Presidente, Segretario, Tesoriere) all'interno del Consiglio
Direttivo, il Presidente o, in sua assenza, il membro piu' anziano
provvede alla convocazione del Consiglio Direttivo per procedere alla
reintegrazione della carica stessa. In caso di dimissioni o decadenza di
uno o piu' membri del Collegio dei Revisori dei conti, l' ssemblea
provvede alla reintegrazione del Collegio a norma dell'articolo 9.
Qualora venga meno invece la maggioranza dei componenti il Consiglio
Direttivo, quelli rimasti in carica dovranno convocare senza indugio
l'Assemblea perche' provveda alla sostituzione dei mancanti. I nuovi
consiglieri cosi' nominati resteranno in carica fino alla scadenza del
mandato del Consiglio stesso. Ugualmente nel caso venga meno la
maggioranza dei componenti il Comitato Scientifico, il Presidente del
Consiglio Direttivo dovra' convocare senza indugio l'Assemblea perche'
provveda alla sostituzione dei mancanti. I nuovi membri del Comitato
scientifico cosi' nominano resteranno in carica fino alla scadenza del
mandato del Comitato stesso.

ART. 11
L'Assemblea viene convocata dal Presidente ordinariamente almeno una volta
l'anno e puo' essere convocata anche su richiesta scritta al Presidente
stesso di almeno un terzo dei soci. La convocazione dell'Assemblea deve
essere effettuata almeno con almeno trenta giorni di anticipo e, con
procedura d'urgenza, con almeno quindici giorni di anticipo, attraverso
lettera, fax o e-mail.
L'Assemblea elegge i membri del Consiglio Direttivo e del Comitato
Scientifico. Per le elezioni di ciascuno di tali organi ogni socio dispone
di due voti di preferenza. Nell'ambito di ogni elezione, in caso di
parita' di voti si procede al ballottaggio.
All'Assemblea competono l'approvazione e la ratifica delle proposte del
Consiglio Direttivo relative all'ammontare della quota di iscrizione,
della quota annuale, all'adesione all'Associazione di nuovi soci e alla
nomina di soci onorari.
L'Assemblea delibera sugli argomenti posti all'ordine del giorno.
L'Assemblea delibera comunque su ogni altro argomento che venga sottoposto
alla sua approvazione.
Le delibere dell'Assemblea sono prese a maggioranza semplice, con voto
palese, tranne nel caso dell'elezione del Consiglio Direttivo e del
Comitato Scientifico e della ratifica della nomina di soci onorari, che
viene assunta a scrutinio segreto.
Per essere valida l'Assemblea deve registrare la presenza della meta' piu'
uno dei soci che esercitano l'elettorato attivo; in seconda convocazione
essa e' valida qualunque sia il numero dei presenti.
Non e' ammesso il voto per la corrispondenza ed e' permessa una sola
delega.
L'Assemblea delibera infine relativamente ad ogni modifica del presente
Statuto e allo scioglimento dell'Associazione stessa.
Per le modifiche dello statuto e' richiesta la presenza di almeno due
terzi degli aventi diritto ed il voto favorevole della maggioranza
assoluta degli associati.
Per lo scioglimento dell'Associazione e' richiesto il voto favorevole dei
3/4 (tre quarti) degli associati.

ART. 12
Il patrimonio dell'Associazione e' costituito dalle quote di iscrizione,
dalle quote annuali dei soci, da eventuali lasciti e donazioni fatte
all'associazione stessa, da proventi diversi, incluse convenzioni con Enti
pubblici e privati, societa', persone fisiche e giuridiche, da ogni altro
bene mobile immobile di proprieta' dell'Associazione.

ART. 13
Gli esercizi sociali hanno inizio il 1 gennaio e si chiudono il 31
dicembre di ogni anno, il primo esercizio si chiudera' il 31 dicembre
1999.
Alla fine di ciascun esercizio il Consiglio Direttivo provvedera' alla
compilazione del Bilancio annuale consuntivo e ad una Relazione sulla
gestione che dovranno essere presentati all'assemblea dei soci per la loro
approvazione entro quattro mesi dalla chiusura dell'esercizio stesso.
Entro tale termine il Consiglio Direttivo dovra' presentare anche un
bilancio annuale preventivo da sottoporre all'esame dell'Assemblea.

ART. 14
Il socio puo' sempre recedere dall'Associazione previa comunicazione da
inviarsi per iscritto al Consiglio Direttivo. I1 recesso ha effetto con lo
scadere dell'anno in corso purche' sia stato comunicato con un preavviso
di almeno quattro mesi.
In caso di scioglimento per qualunque motivo del rapporto associativo i
soci che abbiano cessato il loro rapporto non possono ripetere i
contributi versati ne' hanno alcun diritto sul patrimonio
dell'Associazione.

ART. 15
Fino allo svolgimento della prima assemblea generale dei soci,
l'Associazione e' rappresentata da un comitato provvisorio composto da
otto membri scelti fra i soci effettivi cui e' affidato il compito di
organizzare l'assemblea stessa e di avviare le iscrizioni dei soci.

ART. 16
L'Associazione non ha tini di lucro e in caso di scioglimento, esaurita la
liquidazione, il suo patrimonio sara' devoluto all'Universita' del luogo
ove essa ha sede.
Per quanto non previsto si applicano le norme vigenti in materia.

Firmato in originale:
Vittorio Spinazzola - Franco Giuseppe Contorbia - Fabio Turchini Notaio.
Visto per l'inserzione.

dattiloscritto con nastro indelebile, a norma di legge, da persona di mia
fiducia su pagine quattro presente e parte della presente quinta di due
fogli bollati.

Firmato in originale:
Vittorio Spinazzola
Franco Giuseppe Contorbia
Fabio Turchini Notaio

Certifico io sottoscritto Dottor Fabio Turchini Notaio in Firenze,
iscritto al Ruolo del Collegio dei Distretti Notarili Riuniti di Firenze,
Pistoia e Prato, che la presente copia e' conforme al suo originale.

Firenze, 21 dicembre 1998.

*****************************************************************

Bollettino '900 - Electronic Newsletter of '900 Italian Literature
versione e-mail - NOTIZIE / D, febbraio 1999. Anno V, 1.
Editor: Federico Pellizzi; Redazione: Daniela Baroncini, Eleonora Conti,
Silvia Dall'Olio, Stefania Filippi, Anna Frabetti, Elisa Soverini;
Dipartimento di Italianistica dell'Universita' di Bologna, Via Zamboni 32,
40126 Bologna, Italy, Fax +39 051 2098555; tel. +39 051 2098595/334294.
Reg. Trib. di Bologna n. 6436 del 19 aprile 1995 - ISSN 1124-1578

URL: http://www.comune.bologna.it/iperbole/boll900/
         http://www.unibo.it/boll900/
         http://www.brown.edu/Departments/Italian_Studies/boll900/

*****************************************************************


Bollettino '900 - Electronic Newsletter of '900 Italian Literature - © 1995-1999